NEL CERCHIETTO GIALLO I RESTI DEL MURO SUD DEL CASTELLO DI PLACIA

mercoledì 30 dicembre 2015

Nonostante tutto

Foto di Massimo Marino, Facebook 11/12/15
Questo augurio, ricevuto il 26 dicembre u.s. alle 18:28, tra i commenti del post "Oggi, alla fine della conversazione" del 16 dicembre u.s., Ve lo ripropongo tale e quale, ringraziando l'Anonimo che lo ha inviato, anche a nome Vostro.

Buon Natale a Piazza

A Piazza com'era e com'è
Al tuo tempo andato
Con zagarelle e vampe vivamaria
Al tuo presente di realtà nuove
E di echi cadenti di vecchi splendori.

Buon Natale a chi in te vive
La sua presente quotidianità
A chi ti vive nel ricordo
O attraverso un tecnologico 'sentito dire'.

Buon Natale a chi si prende cura di te
Come realtà materiale, umana, sociale
A chi fotografa il tuo presente
A chi con la pazienza dell'archeologo
Scava nel tuo passato
E riporta alla luce memorie
Che resuscitano altre memorie
Chiuse e custodite nell'archivio dei nostri ricordi.

Buon Natale piccola grande città
Al tuo tempo dolce-amaro
Che scorre inesorabile
Verso chissà dove.

Comunque
 Buon Natale

Anonimo

Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

  

martedì 29 dicembre 2015

Traduzione "Ancora m' r'söna..."

Traduzione de 

"Ancora m' r'söna n' l'aréggi"
 -------
"Ancora mi risuona nelle orecchie"

Non mi ricordo chi fu a dirlo, credo un poeta
E secondo me, lui aveva mille ragioni 
Certe parole hanno dentro una specie di magia
Tu le pronunci e di colpo ti ritrovi trasportato da un'altra parte
Altri tempi, altre situazioni
Una di queste parole è "RICOTTA".

A nominarla mi sembra di sentire la stessa voce del ricottaio*
Che due volte alla settimana veniva nella mia strada gridando il suo richiamo
"Il ricottaio, nel cestino bella calda calda, la ricotta, e che è?"
Ed ecco che in casa mia si metteva in moto una specie di catena di montaggio
Il "PRONTI... VIA" lo dava mia nonna.

Lei all'anagrafe era registrata col nome di Crocifissa
Ma non voleva essere chiamata così
Perché diceva che era un nome più vecchio dell'urina
Queste erano le sue precise parole
Per questo lei stessa l'aveva modernizzato con quello di Fifì.

Me la ricordo sempre seduta sopra la sedia
Dietro il balcone che dava sulla via Crispi
Questa era una buona postazione per guardare chi passava per strada
Se era solo, in compagnia, com'era vestito
E poi il taglia taglia insieme a sua sorella Ciccina.

Anche lei abitava in casa mia perché, ormai vedova e senza soldi
La manteneva mio padre
Così le due sorelle si facevano compagnia
E non avendo altro da fare
Chiacchieravano tra loro dalla mattina alla sera
E a chi davano e a chi promettevano.

Ora che abbiamo spiegato la situazione in casa mia
Torniamo indietro al "PRONTI... VIA"
Mia nonna Fifì era un po' tesa di orecchie
Ma quello che le piaceva sentire lo stentiva meglio degli altri
Per questo era la prima che sentiva la voce del ricottaio anche da lontano.

Al primo richiamo cercava con gli occhi sua figlia
E poi gridava "Angelina Angelina, c'è il ricottaio
Muoviti che quello non aspetta i tuoi comodi."
Angelina che era mia madre cercava me
"Rosà, Rosàlba, vieni qua"
Mi metteva nella mani il solito piatto con le foglioline dorate
Questo piatto ce l'ho ancora conservato per ricordo
E io scendevo giù al pianterreno.

Trovavo il ricottaio con la sua bisaccia sulla spalla
E i cestini in una mano appoggiato dietro la porta
Lui era un uomo magro e alto con due baffetti neri
E in testa un berretto a quadretti.
La scena era sempre la stessa, io gli tenevo il piatto
E lui scuotendo il cestino vi faceva andare dentro la ricottella.

A guardarla così bianca e morbida che si cullava tutta
Veniva voglia di mangiarsela nello stesso momento
Ora, dopo tanti anni se chiudo gli occhi
Riesco a sentire lo stesso sapore
E pure il richiamo
ANCORA MI RISUONA NELLE ORECCHIE

Rosalba Termini


*Anche ricottaro, chi vende ricotta.
N.B. Nei prossimi giorni riproporrò i post pubblicati nell'aprile del 2013 che parlano della differenza tra i due tipi di cestini per la ricotta, uno chiamato fascèdda e l'altro cavagnèdda. Perché quelli nella foto non sono fascèddi.

Gaetano Masuzzo/cronarmerina    

domenica 27 dicembre 2015

Suoni indimenticabili

L'urt'm r'cuttè, u Sig. Lo Presti
Il desiderio irrefrenabile di riproporre ricordi lontani non trova ostacoli. 
Eccovi un'altra poesia nel nostro difficile gallo-italico, con tante inesattezze linguistiche ma con infinite emozioni che meritano una finestra sul blog.

Ancora m' r'söna n' l'aréggi

Nan m' r'gord cu fu a dirlu, crëc 'n puéta
E secön mi, ièu aviva milla can' d' ragiun
Certi paroddi han d'intra 'na spec d' magia
Tu i momni e d' ncorp t' r'trovi traspurtà a n'autra banna
Autr' temp, autri s'tuaziöi
Una d' chissi paroddi è "R'CÖITA".

A numne'la m' par d' sentr' propri a stissa vösg du r'cuttèr
Ch' du voti a s'mana v'niva ntâ mè stràta griànn a sò banniada
"U r'cutté, n'dda fascèdda bedda cauda cauda, a r'cotta, e chi è?"
Ed eccu ch' 'ncasa mia s' m'tiva 'n motu 'na spec' d' catina d' montaggiu 
U "PRONTI... VIA" u dava me nanna.

Ièdda a l'anagraf era r'gstrada cu nom' d' Cruc'fissa
Ma n'an vuliva essr ciamàta accuscì
P'richì djeva ch'era 'nom ciù véggh' du p'sciatu
Chissi er'nu i so pr'cisi paroddi
P' cöss iédda stissa l'aviva modernzzat' cu cödd d' Fifì.

M'a r'gord sempr s'ttàda supra a seggia
Darrera u balcun ch s' facciava na via Crispi
Cössa era 'na böna pustaziön p' vardè cu' passava pa' strata
S'era sulu, 'ncumpagnia, com'era v'stù
E poi via cu tagghia tagghia 'nsému a so' söru Ciccina.

Puru iéa ab'tava 'ncasa mia p'richì, ormai veduva e senza grai
A mant'nëva me pà
Accuscì i döi soru s' fajevn cumpagnia
E nan avenn d'autr chi far
ciucciuliav'nu ntrâ ieddi da' mattina â sira
E a cu' ggh dav'nu e a cu ggh pröm'ttiv'nu.

Ora ch'avöma spiegat' a s'tuazion d' 'ncàsa mia
Turnöma d'arrera o "PRONTI... VIA"
Me nanna Fifì era tanticchia tranda d'aréggi  
Ma cödd ch gh' piajeva sentr u s'ntiva meggh' d' l'autri
P cöss era a prima ch' s'ntiva a vösg du rìcuttè puru d' dduntàngh.

Ad a' prima banniada z'rcava cu l'öggi so figghia
E poi griava "N'giulì N'giulì, gghiè u r'cutté
Mov't ch' cödd nan spetta i to com'di."
N'giulina ch'era mè màtri z'rcava a mì
"Ro, Rosà, vengh' zzà"
M' m'tteva 'ntë mai u sol't piatt' cu i fugghietti doradi
Cöss piatt ggh'l'öi ancora sarvà p r'gord
E je sc'nneva dda' giösa o piant'rren.

Truvava u r'cuttè cu a so b'sàzza ntâ spadda
E i fasceddi 'n na màngh punt'ddau d'arrera a porta
Iéu era n'om sicc' e long' cu döi mustàzzeddi niuri
E 'ntesta 'ntaschett a quadratini.
A scena era sempr' a stissa, jè ggh' t'neva u piatt
E ièu trandulann' a fascedda ggh' fasgeva annè dintra a r'cutedda.

A talièlla accuscì bianca e morb'ta ch' s' naccava tutta
V'niva vogghia d' mangers'la ddu mument stëss
Ora, dop' tant'anni s' ciudu l'öggi
R'nesciu a sent'r u stëss savör
E mpur a banniada
ACORA M' R'SÖNA N' L'ARÉGGI  

Rosalba Termini, dic. 2015 

Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

mercoledì 23 dicembre 2015

A Betlemme...

I due protagonisti
Oggi 23 dicembre 2015 alle ore 17:30 presso la Scuola Media "Cascino"
l'Università Popolare del Tempo Libero "Ignazio Nigrelli" 
di  Piazza Armerina 

Presenta

A BETLEMME
(Döi ciaccèsi 'ntô presepi)

Commedia brillante di Aldo Libertino
e
Commento musicale di Giuseppe Sanalitro

Gaetano Masuzzo/cronarmerina

giovedì 17 dicembre 2015

Concerto Polifonica "Laurella"


Piazza Armerina, 12 dicembre 2015, 
chiesa di Sant'Ignazio di Loyola
Gaetano Masuzzo/cronarmerina

mercoledì 16 dicembre 2015

Oggi, alla fine della conversazione

Oggi, al termine della conversazione su "Piazza che fu" delle ore 17:30 alla Scuola Media "Cascino", verranno letti degli appunti sulla visita di un francese a Piazza nel 1781: 

UN PARADISO TERRESTRE

Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

martedì 15 dicembre 2015

Com'erano Piazza e i Piazzesi

Domani, mercoledì 16 dicembre, alle ore 17:30, non prendete impegni. Cercate di essere presenti alla conversazione su com'erano Piazza e i Piazzesi negli ultimi 9 secoli, presso la Scuola Media "Cascino" ospiti dell'Università Popolare del Tempo Libero "I. Nigrelli".
La conversazione sarà curata dal sottoscritto Gaetano Masuzzo.

Gaetano Masuzzo/cronarmerina
 

domenica 13 dicembre 2015

Oggi Santa Lucia



Queste quattro pietre rimaste l'una sull'altra, rappresentano quella che doveva essere la chiesa di Santa Lucia in c/da Ralbiato, lungo la strada provinciale 15, a metà strada tra Piazza e Barrafranca. 
Chissà se la festa alla Santa il 13 dicembre veniva festeggiata anche qui?

Non tutti però sanno che prima della chiesa, ex sinagoga ebraica, dedicata a Santa Lucia nel quartiere Canali, a Piazza ce n'era un'altra molto più antica dedicata a questa Santa martire siciliana, precisamente di Siracusa.
Si trovava al Monte presso la Regia Cappellania del vecchio castello chiamato Castrum Reginae. In seguito i Carmelitani nel 1238 la intitolano a San Calogero, i Francescani nel 1392 a Santa Maria degli Angeli, nel 1603 i frati dell'Ordine Ospedaliero di S. Spirito di Roma, subentrato nella gestione dell'Ospedale, la dedicano allo Spirito Santo. Nel 1640 i Giurati di Piazza, per la situazione economica disastrosa dell'ospedale, sono costretti a vendere la chiesetta di S. Spirito ai vicini Francescani Conventuali che l'abbatteranno per allargare lo spazio antistante la loro chiesa dedicata a San Francesco.
 Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

venerdì 11 dicembre 2015

Traduzione "Còm s' l'aviss accettàt"

Piazza Generale Cascino, oggi
 COME SE LO AVESSI ACCETTATO

La valigia in una mano nell'altra la borsetta
Camminano al Generale Cascino,
In una giornata di fine Ottobre
Ancora sotto il sole
Hanno l'aria stanca,
Di quelli che hanno fatto un lungo viaggio.

Eh già, sono due piazzesi che vengono dal Nord fino a qui
Al paese, per la festa dei morti
Questo viaggetto lo fanno ogni anno
Non solo per portare i fiori ai loro morti
Ma perché sono molto affezionati a Piazza
Che li fece nascere.

Lui, il marito, cammina avanti diritto per la sua strada
Ha fretta di arrivare a casa sua
Lei, la moglie, gli va dietro
Il passo un po' più lento,
Ma qual è il motivo? Perché sarà più stanca?
No, il motivo non è questo.

I suoi occhi non hanno premura, sono desiderosi di guardare
I banchetti con la verdura al mercatino
Quella verduretta tanto desiderata al Nord
Se la vorebbe comperare ora, tutta. Portarsela a casa
Incominciarla a pulire e a cuocere prima di disfare la valigia
Qualche volta, nel suo avanti e indietro Nord-Sud
E' capitato proprio così.

Quand'ecco, nelle vicinanze del banchetto di Mario,
Uno dei suoi amici verdurari,
Accade qualcosa che sa di commovente.
Mario, l'uomo che aveva già visto la donna in lontananza
Le porge la mano, e dentro cosa c'è?
Un bel ficodindia arancione e giallo
E' il suo modo di darle il benvenuto.

Glielo vorrebbe sbucciare per farglielo mangiare ora stesso
Ancora tutta imbacucata e sempre con la valigia in mano
"Bentornata a Piazza signora! La vedo stanca
Si ristori con questo bel ficodindia! Ora glielo sbuccio"
La donna si ferma un momento per salutarlo
E' emozionata per questo gesto
Che ha il sapore della vera amicizia, del vero affetto.

Eccome se volesse mangiarlo quel bel ficodindia!
Ma cento passi avanti, c'è suo marito
Che per primo, i ficodindia non gli piacciono
Per secondo, ha premura di arrivare a casa
(neanche avesse figlioletti che lo aspettano)
Terzo e ultimo, lui non è portato per queste smancerie.

Nel mentre (lui) si è fermato per guardare la scena
E i suoi occhi sembra che dicessero
"Dai! Rosà, muoviti, che hai dieci giorni di tempo
per mangiarti tutta la verdura e i ficodindia che vuoi"
La donna, che capisce suo marito al muovere delle ciglia,
Per non fare chiacchiere non appena arrivati,
Lo ascolta e si sbriga a camminare.

Guarda di nuovo il bel ficodindia
Tenuto in mano con tanta delicatezza,
Come se non avesse spine,
Chissà come doveva essere dolce?
"No, grazie di tutto cuore,
COME SE LO AVESSI ACCETTATO"
Domani mattina ci vediamo.

ROSALBA TERMINI, 2015

Gaetano Masuzzo/cronarmerina



 

domenica 6 dicembre 2015

Semplici gesti, grandi emozioni / 2

U Generàu Cascìngh cû a Cattradàu
CÒM S' L'AVISS ACCETTÀT
 (II parte)

Gghià vuless munnè p' feggh'la mangè du mumént stìss
Ancora tutta 'ntabarrada e sèmpr cu a valigia 'nmanu
"Benturnàda a Ciazza s'gnù! A vidu stanca
S'ar'criass cu sta bedda f'cudìnnia! Ora ggh'à munnu"
A föm'na s' ferma 'nmumènt p' saluèrlu
È mozionàda p' cöss gèst
Ch'av u savör d'a vera am'cìzia, du vèru affettu.

Eccòm s'ha voless mangè da bedda f'cudìnnia!
Ma cèntu passi avanti, gghè so marì
Ch' 'nprìmis, i f'cudìni nan ggh piasg'nu
P' secönn, av pr'mùra d' r'vè 'ncasa
(mànch s'avess f'gghétti cu' spett'nu)
Tèrza e urt'ma cosa, ieddu nan è purtà p' stì fastucchi.

No mèntr s'ha f'rmà p' guardè a scena
E i so oggi par ch d'gess'ru
"Avà! Rosa, mòv't, ggh'ai désg giörni d' tèmp
P' mangèt tutta a v'r'dura e i f'cudìni ch' voi"
A föm'na, ch capìsc so marì o barbariè d' l'oggi,
P' nan fè chiàcch'ri mànch bonu r'vadi,
U scuta e s' sp'dugghia a cam'nè.

Talìa arréra a bedda f'cudìnnia
T'nùa 'ndda manu cu tanta d'l'catèzza,
Mànch s' nan aviss spini,
Cu sa comm'ava èss dözz?
"Nonzi, gràzi cu tuttu u cör,
CÒM S' L'AVISS ACCETTÀT
Dumàngh mattìngh n v'döma."

ROSALBA TERMINI, 2015

Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

sabato 5 dicembre 2015

Semplici gesti, grandi emozioni / 1

U Generàu Cascìngh, anni 60
L'autrice a ogni ritorno a Piazza si commuove. Questa volta è il gesto spontaneo di benvenuto dell'amico verduraio/fruttivendolo che la ripaga dell'ennesima fatica dell'andirivieni,
facendola sentire nuovamente a casa.
Fa niente se ha dovuto rinviare l'assaggio del frutto prelibato.
L'emozione è descritta nella non facile lingua gallo-italica
e per questo si scusa degli eventuali errori.

CÒM S' L'AVISS ACCETTÀT
(I parte)

A valigia 'n na man 'n l'autra a burseta
Camin'nu o Generàu Cascìngh,
'N na giurnàda d' fin Ottövr
Ancora sötta l'oggi o sö
Hannu l'aria sbattùa,
D' cöddi c'han fait 'nviàgg ddöngh.

Eh già, so döi ciaccësi ch' ven'nu du Nord fingh zzà
O pais, p'a festa dî morti
Cöss viaggett' iddi u fanu ogn'ann
Nan sö p' purteggh' i sciuri e so morti
Ma p'rchì su assai affeziönadi a Ciàzza
Ch'i fes nàsc.

Ièu, u marìt, camina avanti d'rìtt pa so stràta
Av prèscia d' r'vè 'ncasa so
Iedda, a mugghièr, ggh' va darrèra
U pass 'npo' ciù lent,
Ma qual è u mutìv? P'rchì sarà ciù stanca?
Nònzi, u mutìv nan è cöss.

I so' oggi nan han pr'mùra, su d'siösi d' guardè
I banchétti cu a v'rdùra o mercatinu
Ddà v'r'dùredda tantu d'siàda o Nord
S'ha vuless catè ora, tutta. Purtèrs'la 'ncasa
Cum'nzèla a pulzièr e a coc'r prima d' svutè a valigia
Quarch' vota, no so avant e 'ndrè Nord-Sud
Ha cap'tàt pròpriu accuscì.

Quànn eccu, 'nde v'sg'nànzi du banchètt d' Mariu,
Ungh dî so amìsgi v'rdùrari,
Succèd quarch còsa ch' sa d' commovent.
Mariu, u baröm ch'ava già scarut' a föm'na 'nluntananza
Ggh porg a màngh, e dìntra chi ggh'è?
'Na bedda f'cudìnnia arancion e gialla
È a so manéra d' feggh' a bonturnada.
(continua domani)

ROSALBA TERMINI

Gaetano Masuzzo/cronarmerina