ANGIOLETTO EX-VOTO PER S. FILIPPO D'AGIRA A PIAZZA ARMERINA

domenica 21 aprile 2013

U r'cuttèr

Il sig. Lo Presti u r'cuttér

Non si poteva concludere l'argomento fascèdda o cavagnèdda pa r'cöita senza ricordare l'ultimo nostro R'CUTTÈR che si è visto per le vie del centro storico. Era il signor Lo Presti il cui disegno è riportato nel Calendàri â ciaccësa di L. Todaro. Io lo ricordo perfettamente così, con la sua bisaccia stracolma di fascèddi piene di ricotta fresca, profumata e morbida come il velluto. Il disegno è accompagnato dalla poesia, piena di rimpianto e con un pizzico di nostalgia del poeta Gioacchino Fonti (Caltanissetta 1926 - P. Armerina 1994), a lui dedicata e che riporto con piacere qui sotto:

U r'cuttè

Quann, a cent'anni, tu non sênti ciù
dda vösg che va e vëngh p'agn via,
dâ matt'nàda nfinâ vemarìa,
griànn U r'cuttè...! u sai cu fu.

U r'cuttèeee...! Lo Presti, u r'cuttèr
ch' cu a b'sàzza ncödd e i fascèddi,
t' sförna dintra û piatt i r'cuttèddi 
ten'ri ch ggh' scöla ancòra u ser...

L'urt'm r'cutter. Nô savè,
figghi dî figghi mi, cö ch' p'rdè!

Gioacchino Fonti

17 commenti:

  1. Questa non è (come erroneamente detto da qualcuno) una foto ma bensì un ritratto fatto proprio dal prof. Fonti. Ricordo di aver visto anche il ritratto di " Santu u caià "...
    L'autore sempre il prof Fonti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, io ho parlato di disegno, ovviamente fotografato dal calendario "â ciaccësa".

      Elimina
  2. Ricordo perfettamente "u r'cuttè", da bambino quando giocavo sul balcone sentivo la sua voce, il suo richiamo e mi affacciavo a guardare quel signore che passava. ricordo inoltre con quale maestria depositava la ricotta dalla fascèdda al piatto, e che profumo, ancora calda.
    Grazie per aver risvegliato questi ricordi

    Giuseppe Diana

    RispondiElimina
  3. Pino Santangelo21 aprile 2013 23:00

    Che dire,Pino Diana dice il vero,era bellissimo vedere il modo come faceva scivolare la ricotta nel piatto che a guardare sembrava facile,ma credetemi non è così.Grande uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci si pensa un po', ogni azione che compivano gli artigiani di una volta sembrava facile ad eseguirla. Ma poi se si prova a copiarla vengono a galla tutte le difficoltà, specie oggi che tutto è già pronto e si preferisce gettare quella cosa invece di aggiustarla, perdendo l'abilità delle nostre mani. Non per nulla nel termine "artigiano" c'è di mezzo la parola "arte"!

      Elimina
  4. per noi ke siamo le nipoti è un'emozione vedere i vostri commenti sulle azioni di nostro nonno essendo noi troppo piccole da ricordare il suo mestiere e i suoi gesti
    Monia ed Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissime Monia ed Erika era proprio questo il vero intento del mio blog: provocare emozioni ormai scomparse o sopite riproponendo storie di concittadini che non ci sono più, ma che in noi, inconsciamente, hanno lasciato tracce positive indelebili. In questo momento difficile, superficiale pieno di "fiction", ricordare qualche bello esempio che si è avuto in famiglia dà una forza incredibile, altro che "reality" usa e getta !

      Elimina
  5. Lorenzo Cascino23 aprile 2013 12:21

    Era il Giugno del 1991 quando ho lasciato Piazza Armerina, sono passati molti anni ma tra i ricordi che mi riportano alla mia infanzia piazzese quello del Sig. Lo Presti è sicuramente il ricordo più vivido e direi indelebile della mia vita. Leggendo questo Blog mi avete fatto risentire il profumo che emanava quell'uomo e le sue "Fascedde". Non so se avete mai letto il libro di Patrick Suskind intitolato "Profumo"

    « Gli uomini potevano chiudere gli occhi davanti alla grandezza, davanti all'orrore e turarsi le orecchie davanti a melodie o a parole seducenti. Ma non potevano sottrarsi ai profumi. Poiché il profumo è fratello del respiro. Con esso penetrava gli uomini, a esso non potevano resistere, se volevano vivere. E il profumo scendeva in loro, direttamente al cuore e là distingueva categoricamente la simpatia dal disprezzo, il disgusto dal piacere, l'amore dall'odio. Colui che dominava gli odori, dominava il cuore degli uomini. »

    Ecco, credo di avervi trasmesso come il Sig. Lo Presti è presente ancora nei miei ricordi attraverso il suo Profumo!

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo, e che ne dici del gusto particolare di cèuzzi rössi appena raccolti dall'albero, col rischio di rompersi l'osso del collo, e con la bocca, le mani e le braccia tutte "insanguinate" ? Se l'albero era du zìu stranu: mégghiu ancöra !

      Elimina
  6. caro masuzzo manca un'altra foto importante vedi se riesciatrovare quello che vendeva la granita "il signor conti

    RispondiElimina
  7. Volevo ricordare ad alcuni che u r'cuttèr ambulante che girava per le vie della città con le bertole in spalla,oltre la ricotta fresca
    aveva delle foglie grandi(di fico o uva?)ove faceva scivolare dolcemente a r'cuttèdda quando il cliente era sprovvisto del solito piatto.
    Grazie sell'aiuto solerte ciao silvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero. Era raro, ma certe volte si vedeva questa operazione fatta con estrema maestria, quasi da prestigiatore. Bravo Silvio sia per il ricordo del particolare che per esserci riuscito. Al prossimo commento. Ciao

      Elimina
  8. Volevo ricordare a Rodolfo Carcione che all'angolo sotto casa sua in p.zza Garibaldi ,esponevano il programma giornaliero dell'Opera deiPupi con delle locandine fatte dal sig Parasole .
    Ai lettori un ciao silvio mercato

    RispondiElimina
  9. Volevo aggiungere al mio commento una precisazione che,le locandine del programma serale venivano disegnate e scritte direttamente dal sig.Parasole.
    Sarebbe eccezziunale veramente se si trovasse qualche esemblare.
    Il teatrino dell'opera dei Pupi si trovava dietro la pescheria di s.Rosalia(largo monte dei presti o pegni?),poi trasferito in via Umberto fino alla chiusura definitiva(siamo negli anni 40).
    Ai piazzesi vicini e lontani un salutone silvio mercato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvio, a proposito vai sul mese di gennaio e clicca sul post "L'Opra i Pupi". Ciao

      Elimina
  10. Ricordo perfettamente tutti i quadri del prof. Fonti,dedicati ai personaggi della nostra città. Santu, Sig. Lo Presti, Una signora che andava in giro con della " lannette" etc.
    Uno in particolare mi colpì, il gesto dell'ombrello di Santu con 6 dita. Potete chiedere ai figli.
    Totò Trumino

    RispondiElimina