DAL 2 FEBBARIO 2016 NUOVO SITO WWW.CRONARMERINA.IT

venerdì 12 aprile 2013

I media, due secoli fa

A Piazza come a Caltagirone

Per avere un'idea di come scorreva la vita nei primi dell'Ottocento in un paese dell'interno come Piazza, ecco cosa scriveva di Caltagirone l'inglese, in Sicilia nel 1809, Thomas Wright Vaughan in una lettera allegata al suo "A View of the present State of Sicily" dove riportava la traduzione del "Giornale di viaggio fatto in Sicilia e particolarmente nella Contea di Modica nei mesi di maggio e giugno 1808" dell'economista siciliano Paolo Balsamo:
"Alle due arrivai a Caltagirone, che è una grossa e bella città di 20.000 abitanti. Dato che essa è stata già descritta da altri viaggiatori e sapendo che preferite sentir parlare di persone, piuttosto che di cose, vi dirò che al mio arrivo nella piazza del mercato fui circondato da una folla che gridava "Viva l'Inglese" ed era ansiosa di udire notizie della costa in questo momento così interessante; infatti, anche se ciò può apparire incredibile, le notizie che arrivano in città dell'interno, che non siano proprio sulla strada che porta da Messina alla capitale, sono scarsissime. Ritengo che nei deserti della Siberia ci sia lo stesso tipo di informazione su quanto avviene a Pietroburgo: tutto dipende dall'arrivo di un viaggiatore, il quale dice ciò che gli pare. Loro non sono al corrente di nulla: non si pubblicano i giornali in Sicilia, dove la stampa è severamente sottoposta a censura, eccezion fatta per la Gazzetta di Palermo che ha solo estratti di giornali stranieri e non porta alcuna notizia interna, tranne gli arrivi e le partenze della famiglia reale; o per la Gazzetta Britannica da poco fondata a Messina, precisamente da quando ci sono gli Inglesi, che fornisce soltanto dettagli militari di interesse ben limitato, modellati sulle speranze e aspirazioni dell'autore, che sono sinceramente patriottiche."
(Tra il 1806 e il 1812 Ferdinando di Borbone venne cacciato da Napoli dall'esercito napoleonico e dovette rifugiarsi in Sicilia sotto la protezione della flotta e dell'esercito britannico.)

*Tratto "Dalle relazioni dei Regi Visitatori..." 1999, Ignazio Nigrelli/Univ. Pop. Tempo Libero I. Nigrelli di Piazza Armerina.

Nessun commento:

Posta un commento